Logo Arte e critica

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 




spacer
OLIVER OSBORNE E LA COMUNICAZIONE VISUALE
Intervista a cura di Guido Santandrea
Oliver Osborne (Edimburgo, 1985; vive a Londra) ricerca l'insita ambiguità delle immagini e mette in questione la loro comunicazione visuale attraverso la sovrapposizione ... >>
GABRIELLA CIANCIMINO. PIANTE PIRATA E SCATOLE DI LATTA
di Daniela Bigi
Uno dei lasciti più significativi della generazione di artisti che ha segnato gli anni ’90 è sicuramente individuabile in quella necessità di attribuire al lavoro (termine da molti preferito, in quegli anni ... >>
ENTE DA FARE. GIUSEPPE BUZZOTTA / VINCENZO SCHILLACI
Conversazione tra Giuseppe Buzzotta e Vincenzo Schillaci
Giorni fa, mentre sfrecciavamo a 30 km/h sulla Salerno-Reggio e parlando del più e del meno viene fuori l’idea di iniziare a scrivere qualcosa sul modo di pensare al lavoro che ognuno di noi ha ... >>
GLI ANNI SETTANTA A ROMA. UNO SGAMBETTO ALLA STORIA? LA RESPONSABILITÀ È DEL PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI
di Roberto Lambarelli
Attorno all’ultima mostra del Palazzo delle Esposizioni, Anni ’70. Arte a Roma, non dico che ci sia stata una grande aspettativa (del resto non ce ne è stata da anni, nemmeno per quella tanto ... >>
FOOD DI GORDON MATTA-CLARK & CAROL GOODDEN
Intervista a Carol Goodden a cura di Massimiliano Scuderi
Poco tempo prima avevo conosciuto Gordon Matta-Clark al 112 di Greene Street. Noi, gente della Art Crowd, della scena artistica, facevamo spesso delle feste a cui partecipavano una ... >>
MARGHERITA MOSCARDINI. ISTANBUL CITY HILLS
Intervista a cura di Daniela Bigi
Nel raccontare la tua residenza ad Istanbul, pensata da AlbumArte all'interno di un programma di scambi Italia/Turchia e caldamente supportata dall'Ambasciatore Italiano in Turchia ... >>
1993. L’ARTE, LA CRITICA E LA STORIA DELL’ARTE
20 ANNI FA IL PRIMO NUMERO DI “Arte e Critica”
di Roberto Lambarelli
C’è voluta una certa dose di coraggio, più che nell’idea di dare vita ad una rivista, nelle scelte da compiere in venti anni d’interazione costante con il mondo dell’arte. Era l’ottobre del 1993 quando ... >>
RAGNAR KJARTANSSON, THE VISITORS
MELOROMANTICO O MELMOROMANTICO?
a cura di Vito Calabretta e Stefano Vittorini
Così come Vladimir Putin, Ragnar Kjartansson è un fan degli ABBA. La cosa in sé avrebbe poco interesse se entrambi non rivendicassero ciò come elemento legittimante ... >>
WADE GUYTON E L’ASSENZA DELLA MANO DELL’ARTISTA. COME L’ARTE CONTINUA
di Lisa Pedicino
Dopo la mostra al whitney museum nel 2012, l’artista americano tocca l’europa, dal kunsthaus bregenz alla kunsthalle zurighese, raccontando come, in dieci anni di sperimentazione ... >>
RENATO LEOTTA. CENTRAMENTO
Dialogo con Daniela Bigi
Parli di temporalità dello spazio, di abitabilità del tempo, della condivisione di tensioni tra fenomeni naturali e realtà costruite. “Espressione non geografica del Mediterraneo” affermi. ... >>
INTORNO AL TURNER PRIZE
di Manuela Pacella
Ciò che sorprende maggiormente trascorrendo un po’ di tempo nell’Irlanda del Nord è l’incredibile quantità di stimoli a cui si è sottoposti. Venendo da un paese come l’Italia e da una ... >>
ALESSANDRO SARRA. ALTRI APPUNTI PER LA RIVOLUZIONE
di Daniela Bigi
Partirei dagli Appunti per la rivoluzione, la seconda parte del titolo della personale che Alessandro Sarra ha costruito di recente per il magniloquente Castello Colonna di Genazzano titolandola ... >>
COME DENTRO AD UNO SPECCHIO. ARTE, CULTURA E CIVILTÀ IN ALBERTO BOATTO
Conversazione a cura di Roberto Lambarelli
A proposito della nuova edizione de Lo sguardo dal di fuori... >>
FIONA TAN. FARE POLITICA TENERAMENTE
di Adriana Ricci
Tempo, memoria, identità culturale, rapporto con lo spazio. Questi i temi che Fiona Tan affronta al MAXXI di Roma con Inventory, personale curata da Monia Trombetta... >>
LABORATORIO PALERMO. ZAC E LA RESTITUZIONE ALLA CITTÀ DEI CANTIERI CULTURALI ALLA ZISA
a cura di Daniela Bigi
Questo viaggio è iniziato diversi mesi fa. E mi pare di poter dire che, malgrado sia trascorso parecchio tempo, sia ancora nel pieno del suo ritmo, animato dallo stesso clima e dalle stesse aspettative ... >>
PER LE STRADE DEL CAIRO
di Maria Antonietta Malleo
Il paesaggio visuale del Cairo ancora oggi permette di leggere le dinamiche e le istanze della protesta che nel febbraio 2011 hanno portato alla caduta del regime di Hosni Mubarak e il ruolo che ... >>
GIULIO PAOLINI. L’AUTORE CHE CREDEVA DI ESISTERE
a cura di Roberto Lambarelli
Osservare il silenzio comporta pur sempre affermare qualcosa ... >>
ARTE E REALITY
di Ilari Valbonesi
Napoli. Il film Reality di Matteo Garrone si apre con un lungo piano sequenza che inquadra il viaggio di una carrozza in stile XVIII secolo per le strade "reali" di quartieri abusivi alle pendici del Vesuvio ... >>
L’A PROJECT + GUM: NACL, DAL SALE A MAREDOLCE
Conversazione tra Giuseppe Buzzotta, Vincenzo Schillaci,
Namsal Siedlecki e Helena Hladilová
Vorremmo iniziare questa conversazione raccontandovi una piccola, ma importantissima, scoperta che abbiamo fatto di recente. Esiste un punto preciso in cui l’abusivismo edilizio del quartiere ... >>
L'ARCHIVIO COME ATTO DI RESISTENZA VERSO LA PERDITA DI MEMORIA STORICA COLLETTIVA
di Intervista a Bridget Baker a cura di Anna Santomauro
Una conversazione con Bridget Baker per entrare nel lavoro The Remains of the Father, esposto al MAMbo e curato da Elisa Del Prete, in cui l'artista sudafricana investiga il passato ... >>
LEONID TSVETKOV. DA EX ELETTROFONICA TRACCE DEL PRESENTE E ARCHEOLOGIA DEL FUTURO
di Andrea Ruggeri
Muoversi per Roma con sguardo incantato implica il non potersi esimere dal notare quanto la storia si intrecci indissolubilmente con il presente, quanto le architetture più recenti si innestino ... >>
LEONID TSVETKOV
SCULTURE DI INTERAZIONE AL MACRO.
ENEL CONTEMPORANEA 2013

di Clara Soccorsi
Per la settima edizione di Enel Contemporanea il MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma accoglie per tutto il 2014 Harmonic Motion / Rete dei draghi dell’artista giapponese Toshiko Horiuchi ... >>
enel-macro
GIANNI CARAVAGGIO. IL PRINCIPIO INAUGURALE DELL’IMMAGINE
di Giovanna Manzotti
Cinque proposizioni per un mondo nuovo è un titolo fortemente evocativo, quasi già una dichiarazione di precisi intenti che vede nell’atto demiurgico il suo punto di iniziazione immaginativa.” ... >>
gianni-caraggio
WILLIAM FURLONG. PARLARE AGLI ALTRI: CHI PARLA A CHI
di Ilaria Castellino
È prezioso il lavoro che William Furlong ha svolto negli anni di Audio Arts, una dote documentaria immensa che si estende per 33 anni. Le idee geniali sono spesso le più semplici e l’idea ... >>
WILLIAM-FURLONG-Who Speaks to Who
DINAMICHE DELLA PERCEZIONE VISIVA NEGLI ORIZZONTI MUTEVOLI DI MAURIZIO MOCHETTI
di Paolo Mastroianni
Innervato da una tensione dinamica che ne alimenta l’estro creativo con sorprendenti effetti di détournement visivo, l’universo di Maurizio Mochetti (1940) torna a sollecitare ... >>
SPECIAL PROJECT I/O _ IO È UN ALTRO
DI CÉSAR MENEGHETTI

di Marcello Carriero
Padiglione della Repubblica del Kenya della 55ª Biennale di Venezia, Isola di San Servolo ... >>
LA STREET ART INVADE LA GALLERIA DOPPELGAENGER DI BARI

Fresh Flâneurs è il titolo che la galleria Doppelgaenger di Bari ha scelto per una mostra dedicata alla Street Art, visitabile dal 25 giugno. A poco più di un anno dalla sua apertura, lo spazio espositivo ... >>
LANDINI: MASSIMO GRIMALDI ALLA GALLERIA ZERO…

Maurizio Landini Lights (2013) è l’installazione che dà il titolo alla mostra personale di Massimo Grimaldi alla Galleria ZERO. Si tratta di una fila di emissioni luminose che si rincorrono lungo... >>
ANTUFIEV SCIAMANO CONTEMPORANEO

Una mostra in qualche modo speciale quella di Evgeny Antufiev – Twelve, wood, dolphin, knife, bowl, mask, crystal, bones and marble – fusion. Exploring materials – alla Collezione Maramotti ... >>
SANTIAGO SIERRA.
MAIALI CHE DIVORANO LE PENISOLE ELLENICA, ITALICA E IBERICA


Milano, Lambretto Art Project, 30 gennaio 2013. A terra una gigantesca mappa della penisola Iberica realizzata con del mangime per animali. Ore 19,00. Cinque maiali entrano lentamente in scena. ... >>
SALVATORE ARANCIO. SCIENTIFICAMENTE DISORIENTANDO

Salvatore Arancio riflette da tempo su alcune questioni che mi sembrano ruotare, essenzialmente, attorno a tre cardini: la potenza della natura e l’ingovernabilità dei suoi fenomeni, l’esigenza storica ... >>
JUDITH RAUM: DISESTABLISH STORIA COLLETTIVA E VISSUTO INDIVIDUALE. UNA NARRAZIONE FATTA PER IMMAGINI

Judith Raum: disestablish, è la pubblicazione dell’artista tedesca realizzata a seguito della sua personale lucchese presso Pavillon. Non si tratta soltanto di una documentazione cartacea sul concepiment ... >>
ERBACCE COME SIMBOLO DI RESISTENZA

Il pensiero della cura dell'ambiente nell'ultimo decennio ha assunto una fisionomia complessa e ramificata, interessando in modo trasversale discipline economiche, sociopolitiche, antropologiche ... >>

 


Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player