Logo Arteecritica

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 
 
 
spacer

SCULTURE DI INTERAZIONE AL MACRO. ENEL CONTEMPORANEA 2013


Per la settima edizione di Enel Contemporanea il MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma accoglie per tutto il 2014 Harmonic Motion / Rete dei draghi dell’artista giapponese Toshiko Horiuchi MacAdam, che dal 1991 collabora col marito Charles per le sue creazioni. L’installazione site-specific sospesa nella hall del museo è frutto delle sperimentazioni dell’artista sul tessuto, fulcro della ricerca che ormai la caratterizza. La Horiuchi – che fa risalire l’interesse per questo elemento all’infanzia e ai suoi successivi studi, nonché al lavoro come designer – costruisce un’opera interamente realizzata a mano con fili intrecciati, a ricordare il tradizionale lavoro a uncinetto, riflettendo inoltre sulla trasformazione del filo in superficie piana e successivamente in oggetto tridimensionale, monumentale addirittura, in cui è possibile entrare, arrampicarsi, giocare; ed è proprio attraverso il gioco con questa scultura mobile che si fa centrale l’interazione tra opera e visitatore oltre che fra corpo e spazio e corpo e materiale, aspetti significativi per l’artista che connota il tessuto come seconda pelle in cui si è in grado di “nascondersi e proteggersi”, dando vita a delle “sculture che sono più luoghi che oggetti”, come afferma il curatore Francesco Bonami. Si configura così un’installazione interattiva, relazionale, rivolta principalmente ai bambini ma anche agli adulti, in cui il visitatore, immergendosi quasi in questa sorta di enorme ragnatela colorata, diviene protagonista e fin quasi collaboratore, attivatore insieme all’artista dell’opera stessa che pare riempirsi di senso e vitalità proprio nel momento specifico di questo incontro/scambio.

Clara Soccorsi







 

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player