Logo Arteecritica

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 
 
 
spacer

PASSAGGI ARTE CONTEMPORANEA APRE A PISA CON UNA PERSONALE DI SABRINA MEZZAQUI

Nasce nel centro storico di Pisa un nuovo spazio dedicato all’arte contemporanea, diretto da Silvana Vassallo, una galleria ma anche un contenitore di progetti, un luogo di esposizione, produzione e riflessione sull’arte contemporanea che vuole essere aperto al dialogo con istituzioni sia pubbliche che private. Ad inaugurare gli spazi espositivi è una personale di Sabrina Mezzaqui in dialogo con la poetessa Antonella Anedda dal titolo Una forma di attenzione – in corso fino al 26 settembre – che unisce sguardi e voci di due universi creativi affini seppur concentrati su poetiche ed esperienze diverse. Che tu sia per me il coltello, di David Grossman, E disse, di Erri De Luca e alcune liriche della Anedda contenute nella sezione Cucire della raccolta di poesie Salva con nome sono i soggetti delle opere in mostra nelle quali la Mezzaqui – come è solita fare – manipola libri e pagine di carta.

SABRINA MEZZAQUI
Ritagli di righe o frammenti di testo, piegature, cuciture, ricami e copiature danno vita a delle trasfigurazioni che sanno condensare un racconto o dar corpo ad alcune frasi.
In Che tu sia per me il coltello Sabrina Mezzaqui ritaglia tutti gli spazi bianchi tra le linee di testo per porre in evidenza l’accumulo delle parole, il loro spessore. Le parole, nella storia narrata da Grossman, sono come le lame di un coltello, hanno il potere di scavare nei recessi più reconditi delle anime dei protagonisti, di incidere sui loro corpi e le loro vite sconvolgendole.

SABRINA MEZZAQUI

L’opera E disse traduce il racconto di Erri De Luca basato sulla scrittura dei dieci comandamenti sul monte Sinai in una montagna composta da strisce di testo del libro, ai piedi della quale poggiano dei tappetini di preghiera ricamati con citazioni tratte dal testo. Il tema della sacralità e del peso delle parole lega questi due lavori, mentreCucire è legato a doppio filo a un dialogo con Antonella Anedda, di cui l’artista ricama alcune poesie con la sua calligrafia.
Il finissage di settembre sarà occasione per la presentazione di un piccolo libro in edizione limitata che contiene un testo di Antonella Anedda su Sabrina Mezzaqui alla quale seguirà un reading di poesie di Antonella Anedda. 

SABRINA MEZZAQUI




 

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player