Logo Arteecritica

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 
 
 
spacer

ALESSANDRA SPRANZI. ORDINARIA FORMALITÀ DEL PASSATO

Il fascino del passato continua a ritagliare il suo spazio visivo, mescolando le carte in tavola: gli oggetti di Alessandra Spranzi e una sua collezione di fotografie, ritagli di libri o riviste vengono lavorati e rivissuti. Lo scopo? Dare a ciò che si è già visto, un'altra possibilità di guardarlo.

Alessandra Spranzi, Obsoleto #15

Alessandra Spranzi, Obsoleto #15, 2013-14, polaroid e pagina di libro o rivista, 33 x 28 cm.

Poi il ritratto, il ritratto sopra ogni altra cosa è il soggetto della personale per la P420 di Bologna, a cominciare dal video di una donna e le sue abitudini, spiate dalla finestra di casa, fino al volto dell'artista stessa che nei lavori degli anni '90 si inserisce in cima alle vesti di una damigella o ancora di un astronauta. E poi ritratti di mani al lavoro, ritratti di oggetti domestici: una quotidianità illustrata dove con la serie Sortilegio sembra di sfogliare il Supplemento del dizionario italiano di Bruno Munari.

Alessandra Spranzi, Obsoleto #18

Alessandra Spranzi, Obsoleto #18, 2013-14, polaroid e pagina di libro o rivista, 33 x 28 cm.

Per quanto possiamo sforzarci di rivivere le immagini dando loro una nuova forma, ingrandendone la risoluzione originale, come avviene per la serie Vendesi o decostruirne il significato con una diversa intromissione fotografica, come per la serie Obsoleto, niente può dissuadere il nostro occhio dalla sfumatura tenue del colore ocra.

Alessandra Spranzi, Sortilegio3

Alessandra Spranzi, Sortilegio, 2014, serie di 5 fotoincisioni, 40 x 50 cm ciascuno, edizione 1/5 + 2 P.d.A.

La tentazione dell'antico sfiora i sensi dei creativi e li conquista con il fascino di ciò che non c'è più. Di qui anche il titolo della mostra calza a pennello nella sua tonalità vintage, che mantiene le distanze dall'essere "fashion", ma rispetta i canoni della moda dello sguardo di un certo filone di arte visiva, contemporanea.
Formale dunque, ma insieme intimista la mostra di Alessandra Spranzi, dove è possibile ripercorrere alcune tappe del suo percorso artistico presto riassunte in un catalogo di prossima pubblicazione, pronto per Artefiera 2015.

Flavia Montecchi


 

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player